Disable Preloader

Approfondimenti

Patologie cardiovascolari, come prevenirle

Patologie cardiovascolari, come prevenirle

Dalle ultime ricerche Istat appare chiaro che le patologie cardiache risultano la principale causa di decesso in Italia. È quindi fondamentale prevenire la loro insorgenza e comprendere prima di tutto quali sono le condizioni correlate alle patologie cardiovascolari.

Oltre a età e familiarità, fattori sui quali non è possibile intervenire, esistono altri elementi di rischio su cui è possibile agire attraverso la prevenzione, l’alimentazione e uno stile di vita sano, l’ipercolesterolemia ne è un esempio. Nel corso del tempo l’eccesso di colesterolo porta al deposito di placche sulle pareti delle arterie. Queste placche possono depositarsi fino ad ostacolare il regolare flusso sanguigno o, a causa di un’infiammazione, rompersi.  In quest’ultimo si forma così un coagulo (trombo) che può bloccare il flusso in un’arteria e causare infarto o ictus.

Per valutare il rischio cardiovascolare, oltre a misurare il colesterolo totale è bene studiare il rapporto tra colesterolo "buono" (HDL) e colesterolo "cattivo" (LDL). Il primo indica il colesterolo portato dalle arterie al fegato e quindi esercita un’azione di pulizia. Il secondo valore, al contrario, indica il trasposto di colesterolo verso le arterie, quindi di deposito. È chiaro quindi che può esserci comunque un elevato rischio cardiovascolare anche quando il colesterolo totale è nella norma se la percentuale di HDL è particolarmente bassa rispetto al colesterolo LDL. Il rapporto ottimale LDL/HDL dovrebbe essere inferiore a 3, mentre il rapporto tra colesterolemia totale e colesterolemia HDL dovrebbe essere inferiore a 5. Il rischio cardiovascolare aumenta inoltre se ad una maggior concentrazione di LDL rispetto all’ HDL si aggiunge l’ipertrigliceridemia, cioè una elevata concentrazione nel sangue di trigliceridi. Questi grassi sono fonte di energia per le nostre cellule ma, in quantità eccessiva, possono contribuire allo sviluppo di patologie circolatorie.

 È bene ricordare che il rischio cardiovascolare non dipende solo dall’ipertrigliceridemia e dall’ ipercolesterolemia, ma può essere correlata ad altri fattori come insulinoresistenza, ipertensione, diabete mellito (valutando i livelli di glucosio), obesità, fumo e abuso di alcol. Per ridurre il rischio cardiovascolare è fondamentale un corretto regime alimentare. È necessario quindi limitare il consumo di zuccheri, cereali raffinati, grassi idrogenati e saturi. È opportuno invece per arricchire la dieta di alimenti sani in grado di innalzare i livelli di colesterolo HDL o di abbassare i livelli di LDL come cereali integrali, pesce azzurro ricco di Omega3 e olio extravergine di oliva. Per prevenire con ancora più efficacia le patologie cardiovascolari è sempre bene associare una sana alimentazione a una regolare attività fisica. 

Impegnarsi nello svolgere periodicamente esami di controllo, prima che insorgano stati di sofferenza acuti, è la base per una prevenzione efficace e duratura, Farmacia Mongiovì ha a cuore la salute dei propri clienti e incoraggia la sensibilizzazione su questi temi. Per questo propone dal 16 al 20 Ottobre 2017 la ‘’Settimana della prevenzione cardiovascolare’’, un check-up veloce, immediato e completamento gratuito per avere una visione approfondita della propria situazione e individuare eventuali criticità da correggere in maniera tempestiva.


Condividi su:

 

Vuoi avere maggiori info? Compila il seguente modulo e un nostro specialista ti risponderà